Elisir di lunga vita... Integrale

Una prestigiosa ricerca dall’università di Harvard mette in relazione il tasso di mortalità con il consumo di farina integrale. E “scopriamo” che...

A cura della redazione 24 Oct 2017
Elisir di lunga vita... Integrale

Oramai le crociate contro elementi nutrizionali come zuccheri e farine raffinate, onnipresenti nelle diete occidentali e legate a un certo tipo di industria e di meccanismi produttivi, non sono più una novità. E anche il consumatore più distratto inizia a prendere coscienza dei rischi associati a un consumo duraturo di tali alimenti. Berrino docet: la farina bianca o di tipo “00” è il frutto di un complesso procedimento di raffinazione che priva il chicco di grano della parte più esterna, la crusca (la parte ricca di fibre e nutrienti fondamentali come il complesso di vitamine del gruppo B) e della parte più interna, il germe (particolarmente ricco di oli polinsaturi, polifenoli e minerali). Tale trasformazione ha alla base la necessità della grande distribuzione industriale di realizzare un prodotto finale dotato di migliori proprietà di conservazione per via della turnazione delle merci sullo scaffale. Accade però che durante il processo di raffinazione, la maggior parte dei micronutrienti del grano dall’azione benefica sul nostro organismo, vengono persi e la farina che se ne ricava è una polvere bianca molto fine, quasi completamente epurata dagli ingredienti salutari e contenente quasi esclusivamente amido e ancor più ricca di zuccheri.

Sulla prestigiosa rivista Journal of American Medical Association-Internal Medicine, un gruppo di ricercatori della School of Public Health di Harvard ha pubblicato un esaustivo lavoro di ricerca che evidenzia la relazione tra il tasso di mortalità di due gruppi di soggetti esaminati e il consumo di farina integrale. Si è scoperto come il consumo di farina integrale sia associato a una riduzione del 9% della mortalità complessiva e fino al 15% della mortalità dovuta all’insorgenza di malattie cardiovascolari. Secondo il professor Qi Sun, coordinatore della ricerca, il lavoro svolto dai ricercatori di Harvard funge da ulteriore conferma di quanto stabilito dalle linee guida attuali sull’alimentazione dettate dall’OMS, che annoverano le farine integrali tra i cibi più salutari per la prevenzione della maggior parte delle malattie croniche. Farina integrale: un scelta intelligente, per ridurre i rischi (gravi) che comporta un’alimentazione duratura e costante a base di zuccheri.

 

DBN Magazine Partner

Articoli correlati

  • Elisir di lunga vita... Integrale Combattere i malanni di stagione

    Il passaggio dalla stagione invernale a quella primaverile può essere una condizione destabilizzante per l’organismo, che va gradualmente abituato agli sbalzi di temperatura e al passaggio dalla stagione fredda ai primi caldi. Con la primavera infatti suona la sveglia fisiologica rimettendo in moto il processo di rinnovamento cellulare di tutto l’organismo e con esso la voglia di “scrollarsi dalle spalle” il letargo e la pigrizia invernale.

  • Elisir di lunga vita... Integrale La tua pietra di primavera

    La terra è composta per l'85% di cristalli, un mondo vasto e meraviglioso, spesso sconosciuto ai più, che si fermano a diamanti, zaffiri, topazi, smeraldi e rubini. Molte pietre semipreziose invece sono, non solo belle, ma anche ricche di benefiche proprietà

  • Elisir di lunga vita... Integrale Pulizie di primavera

    È il momento in cui si pulisce la casa da cima a fondo. Operazione encomiabile che però rischia di trasformare il nostro appartamento in un laboratorio chimico. Ridurre il numero di detersivi e scegliere quelli che inquinano di meno è la prima cosa. Così come utilizzare i panni in microfibra e scegliere detersivi a basso impatto ambientale. Ecco come riconoscerli

Contatti

Via Taormina, 11 - 20159 Milano
Mobile: 3927293728

Resta in contatto:

Informazioni:

Copyright © NaturalMag. Tutti i dirittti sono riservati.
E' vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione della casa editrice.
Designed by Movie&Web